L’Inter di Simone Inzaghi ha un segreto prezioso nel suo nucleo, un giocatore che si è rivelato indispensabile, inesauribile e onnipresente: Henrikh Mkhitaryan. A 34 anni, l’armeno continua a dimostrare la sua versatilità, intelligenza e continuità sul campo, guadagnandosi la fiducia dell’allenatore e della dirigenza nerazzurra.

Il turnover all’Inter è un fenomeno raro quando si tratta di Mkhitaryan. A parte tre partite, è stato sempre titolare, dimostrando di essere una figura chiave nella squadra. Anche in un reparto ricco di talento, l’armeno riesce a primeggiare, relegando giocatori come Davide Frattesi in secondo piano. Con la prossima partita contro il Genoa, Mkhitaryan diventerà il secondo giocatore di movimento più impiegato della squadra in questa stagione, attestandosi a 1710 minuti totali. Un record impressionante che riflette la sua importanza sul campo, superando persino l’infortunato Lautaro Martinez.

La sua versatilità è un elemento chiave per l’Inter. Mkhitaryan ha giocato in diverse posizioni durante la sua carriera, mostrando la sua adattabilità dal mediano all’attaccante centrale. Il suo ruolo di mezzala sinistra nel 3-5-2 di Inzaghi potrebbe sembrare stretto, ma l’armeno lo ha abbracciato con dedizione. La dirigenza dell’Inter ha capito il valore di Mkhitaryan e ha agito prontamente per estendere il suo contratto, in scadenza il 30 giugno 2024. Il rinnovo sarà ufficializzato il 21 gennaio, giorno del compleanno del calciatore, in modo da sfruttare i benefici fiscali del Decreto Crescita.

La conferma di Mkhitaryan non sorprende, visto che il suo contributo alla squadra è evidente a ogni partita. Fare a meno di lui è quasi impensabile per Inzaghi e il resto della squadra. La sua presenza stabilizzante, unita all’esperienza e all’intelligenza, rende Mkhitaryan un elemento insostituibile per l’Inter. La sua dedizione al club è evidente anche nella sua decisione di ritirarsi dalla nazionale armena, consentendogli di recuperare fisicamente durante le pause internazionali. Mkhitaryan si dimostra così non solo un giocatore di talento, ma anche un professionista impegnato e fedele.

Henrikh Mkhitaryan rimarrà al centro dell’Inter per almeno un altro anno, confermando il suo status di giocatore indispensabile e dimostrando che il tempo sembra non aver alcun effetto su di lui. Onnipresente, inesauribile e insostituibile, Mkhitaryan continua a essere il cuore pulsante della squadra nerazzurra.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui