Il calcio italiano ha sempre attribuito grande importanza al detto “la difesa vince campionati”, e la stagione attuale non fa eccezione. L’Inter di Simone Inzaghi, attuale capolista, sembra dimostrare che, anche in un’epoca di gioco sempre più orientata all’attacco, la solidità difensiva può fare la differenza nella corsa allo scudetto. Dopo 17 giornate, l’Inter comanda la classifica con 4 punti di vantaggio sulla Juventus, la sua principale rivale. Uno sguardo alle statistiche rivela una netta superiorità nerazzurra in termini di difesa: solo 7 gol subiti contro gli 11 della Juventus. Ma c’è molto di più dietro a questi numeri.

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, è noto per basare il suo calcio sulla solidità difensiva. Ha ottenuto successi significativi in passato con la difesa a tre composta da Barzagli, Bonucci e Chiellini. Anche oggi, con nuovi interpreti come Gatti, Bremer, Danilo, Rugani e Alex Sandro, Allegri cerca di plasmare la sua squadra sulla coesione difensiva. Tuttavia, la Juventus sembra ancora lontana dall’efficienza difensiva dell’Inter. L’Inter, allenata da Simone Inzaghi, è attualmente la squadra con il miglior rendimento difensivo in Serie A. Yann Sommer, il portiere nerazzurro, ha mantenuto inviolata la sua porta in ben 12 delle 17 partite giocate, con una percentuale impressionante del 70,6%. Questo record supera persino le prestazioni di altri portieri nei cinque migliori campionati europei.

Il confronto tra le due squadre sottolinea la filosofia difensiva di Inzaghi, che ha ereditato da Allegri il sistema di gioco con tre difensori centrali. Tuttavia, l’Inter sembra avere una maggiore tenuta stagna, risultando più efficace nel proteggere la propria porta. La strategia della “clean sheet”, ovvero delle partite senza subire gol, è stata adottata sia dall’Inter che dalla Juventus, ma i nerazzurri sembrano farlo con maggior successo. La differenza non si riscontra solo nei numeri della difesa, ma anche nella gestione del pallone. L’Inter ha completato più passaggi della Juventus, seguendo il principio di Nils Liedholm: “Se la palla ce l’abbiamo noi, gli avversari non possono segnare”. Questo approccio evidenzia la volontà dell’Inter di controllare il gioco e ridurre le opportunità avversarie. Infine, la qualità degli interpreti fa la differenza. La difesa dell’Inter, composta da De Vrij, Acerbi, Bastoni, Darmian, Pavard e il promettente Bisseck, sembra offrire un equilibrio migliore rispetto a quella della Juventus. Inzaghi ha anche dimostrato flessibilità adattando giocatori come Carlos Augusto quando necessario.

In conclusione, la lotta per lo scudetto in Serie A sembra passare attraverso una difesa solida, e l’Inter attuale sembra essere in vantaggio su questo fronte. Tuttavia, il calcio è imprevedibile, e la Juventus di Allegri potrebbe ancora sorprendere. Resta da vedere se la difesa continuerà a fare la differenza fino alla fine della stagione.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui