Napoli, 3 gennaio 2023 – Un’autentica sorpresa al “Maradona” ha visto il Frosinone dominare il campo e sconfiggere il Napoli con un incredibile 0-4, conquistando così l’accesso ai quarti di finale della Coppa Italia. La partita ha visto la squadra di Walter Mazzarri cercare di mettere in campo una formazione competitiva, ma la giovane e dinamica squadra del Frosinone ha dimostrato di avere le carte in regola per ottenere una vittoria straordinaria.

Il Primo Tempo: Un Balletto di Occasioni e Polemiche

Il primo tempo della sfida tra Napoli e Frosinone al “Maradona” è stato un affascinante susseguirsi di emozioni, con le due squadre che hanno dimostrato impegno e determinazione sul terreno di gioco. Fin dal 14° minuto, l’iniziativa è stata presa dalla difesa del Napoli, mettendo alla prova la resistenza del Frosinone con un dribbling di Lindstrom che ha portato a un potente tiro respinto con bravura da Cerofolini. Tuttavia, l’episodio più controverso è arrivato al 37° minuto quando il Napoli ha festeggiato un presunto gol di Simeone, solo per vedere il VAR annullare la gioia a causa di un precedente tocco di mano di Lindstrom. L’arbitro Abisso, richiamato al monitor, ha deciso di cancellare il gol, scatenando feroci polemiche da parte dei giocatori azzurri e del pubblico. Questo episodio ha innescato una reazione veemente da parte del Napoli, che ha continuato a premere sull’acceleratore, manifestando una chiara volontà di sbloccare il punteggio. La prima frazione si è conclusa con un palo colpito dal Napoli e un gol annullato, confermando un equilibrio che ha lasciato il pubblico in attesa di ciò che il secondo tempo avrebbe riservato. In definitiva, il primo tempo ha fornito spunti interessanti, con il Frosinone che ha resistito agli attacchi del Napoli e ha dimostrato di essere una squadra pronta a cogliere l’opportunità di stupire.

Il Secondo Tempo: Il Capitombolo del Napoli e la Maestria del Frosinone

Il secondo tempo al “Maradona” ha assistito a uno spettacolo di calcio straordinario, con il Frosinone che ha letteralmente sovvertito le aspettative, travolgendo il Napoli con una sequenza di eventi incredibili. La ripresa si è aperta con una mossa strategica del Frosinone, che ha introdotto Lirola in campo, dimostrando un’immediata determinazione a consolidare il proprio vantaggio. La svolta cruciale è arrivata al 65° minuto quando il Frosinone ha sfruttato un calcio d’angolo, portando Barrenechea a siglare un colpo di testa impeccabile che ha superato Gollini, infilando l’angolo dell’incrocio. Un gol di pregevole fattura che ha segnato l’inizio del capovolgimento di fronte.

A seguito del vantaggio, il Napoli ha cercato di reagire con una doppia sostituzione al 62° minuto, introducendo Osimhen e Kvaratskhelia. Tuttavia, la mossa non ha sortito l’effetto sperato, ma ha invece aperto le porte a un’incredibile escalation del Frosinone. Al 70° minuto, Caso ha capitalizzato su un errore difensivo del Napoli, rubando palla e superando Gollini con freddezza, raddoppiando il vantaggio dei ciociari. Il Napoli, ormai in balia dell’inarrestabile slancio del Frosinone, ha subito un colpo ancor più devastante all’89° minuto, quando l’arbitro ha fischiato un rigore per fallo di Di Lorenzo su Soulé. Cheddira ha calciato centralmente, ma un Gollini ben piazzato non è riuscito a evitare il terzo gol per il Frosinone.

Con il Napoli ormai annichilito, il Frosinone ha coronato la sua straordinaria prestazione nel recupero al 95° minuto, quando Harroui ha siglato il quarto gol in contropiede. La squadra di Di Francesco ha celebrato la storica vittoria contro il campione d’Italia, umiliando gli azzurri di Mazzarri e garantendosi l’accesso ai quarti di finale della Coppa Italia. Il secondo tempo è stato un autentico capolavoro tattico del Frosinone, il quale, con una maestria sorprendente, ha approfittato di ogni opportunità per dilagare sul campo e infrangere le speranze del Napoli di avanzare nella competizione.

I momenti chiave:

  • Annullato gol del Napoli: Al 37° minuto, il Napoli ha subìto la delusione dell’annullamento di un gol di Simeone, che era stato precedentemente segnalato dal VAR per un fallo di mano di Lindstrom.
  • Tripla sostituzione Napoli: Al 62° minuto, Mazzarri ha cercato di cambiare le sorti della partita con una tripla sostituzione, inserendo Osimhen e Kvaratskhelia.
  • Il poker del Frosinone: La squadra di Di Francesco ha siglato il quarto gol nei tempi di recupero, con Harroui, suggellando una prestazione straordinaria e confermando la propria presenza ai quarti di Coppa Italia.

La vittoria del Frosinone rappresenta una delle sorprese più eclatanti della Coppa Italia, mettendo in evidenza la forza e la determinazione di una squadra che ha saputo approfittare di ogni opportunità. Mentre il Napoli ha cercato di riorganizzarsi con le sostituzioni, il Frosinone ha dimostrato di essere più che all’altezza del compito, conquistando il pass per i quarti di finale. Il tecnico Mazzarri dovrà affrontare una sfida difficile nel recuperare la squadra dal colpo psicologico di questa sconfitta, che potrebbe influire sulle prestazioni future in campionato. La giovane formazione del Frosinone, invece, avanza con fiducia ai quarti di finale, pronta a sfidare la vincente tra Juventus e Salernitana il 4 gennaio.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui