Nella serata al Ferraris, il giovane talento rumeno Radu Dragusin ha scritto il suo nome nella storia del Genoa con una prestazione che ha lasciato il segno. La sua prima rete in Serie A, arrivata proprio nel momento giusto, ha regalato ai rossoblù i tre punti cruciali contro un Hellas Verona sempre più in difficoltà sotto la guida di Baroni. La partita è stata a lungo controllata dal Grifone, che ha dimostrato determinazione e solidità sin dal fischio d’inizio. Mentre il Verona ha cercato di reagire nei minuti finali, con un palo di Terracciano e una spettacolare parata di Martinez su un colpo di testa di Djuric, il Genoa ha saputo mantenere la sua leadership.

Questa sconfitta segna la quinta consecutiva per l’Hellas Verona, diventando sesta se si considera anche l’eliminazione in Coppa Italia. L’ultima volta che hanno ottenuto punti risale al 2 ottobre, quando hanno pareggiato in trasferta contro il Torino. Baroni si trova ora con l’incarico sempre più a rischio, con la sua squadra che si avvicina pericolosamente alla zona retrocessione. D’altro canto, il Genoa allontana ulteriormente i fantasmi della retrocessione, superando il Sassuolo nella classifica dopo il loro pareggio contro la Salernitana nel pomeriggio. La vittoria del Genoa non solo consolida la loro posizione in classifica, ma offre anche un segnale di fiducia e determinazione in vista delle sfide future.

Le azioni della partita:

Nel primo tempo, al 21° minuto, l’attacco del Genoa ha intercettato un passaggio difensivo dell’Hellas Verona, consegnando la palla a Ekuban, il quale ha provato un tiro da fuori area, ma senza centrare lo specchio della porta. Successivamente, al 36° minuto, Gudmundsson ha effettuato un traversone al centro dell’area per Frendrup, ma il pallone è risultato essere troppo lungo, impedendo al rossoblù di controllarlo.

Al 43° minuto, il Genoa ha guadagnato un calcio d’angolo che ha portato a un diagonale di Ekuban che ha colpito il palo più lontano. De Winter ha tentato un colpo di testa, ma Magnani ha respinto sulla linea. Solo un minuto dopo, Haps ha realizzato un pallonetto seguito da un destro al volo di Dragusin, portando i padroni di casa in vantaggio.

La prima metà della partita ha visto entrambe le squadre studiarsi senza prevalere, ma sul finire del primo tempo, il Genoa ha creato pericoli, colpendo anche un palo, e ha trovato il gol del vantaggio.

Nella ripresa, al 57° minuto, Strootman per il Genoa ha lanciato Puscas, ma Amione è riuscito a deviare in angolo il suo tentativo in area. Sul successivo calcio d’angolo, Haps ha tirato a rete, la palla ha rimbalzato contro Puscas, e Montipò ha fatto una parata.

Al 62° minuto, Sabelli ha effettuato un traversone per il Genoa, ma Montipò ha respinto. Sul calcio d’angolo successivo, Badelj ha colpito di testa, ma il portiere gialloblù ha nuovamente evitato il gol.

Nel corso della seconda metà, al 73° minuto, Faraoni per il Verona ha colpito la palla, che ha colpito l’arbitro. Poco dopo, un altro traversone di Faraoni è stato seguito da un destro di Terracciano che ha colpito il palo.

All’78° minuto, un calcio d’angolo per il Verona ha visto Djuric colpire di testa, ma il portiere Josep Martínez è riuscito a salvare la porta e il risultato. Sette minuti più tardi, Strootman ha avviato un contropiede per il Genoa, ma il mancino di Puscas è terminato di poco fuori.

All’88° minuto, Puscas ha cercato ancora il gol dal limite dell’area, ma Montipò si è opposto, consolidando il risultato di 1-0 a favore del Genoa. La partita è stata un susseguirsi di azioni avvincenti, con entrambe le squadre che hanno cercato di portare a casa la vittoria.

Le statistiche della partita:

  • Radu Dragusin entra nella storia del Genoa come il secondo giocatore rumeno a segnare in Serie A con questa maglia, dopo Dan Petrescu, il cui gol risale a settembre 1993 (esclusi autogol).
  • Il Verona, dal suo ritorno in Serie A nella stagione 2019/20, ha subito almeno cinque sconfitte consecutive nella massima serie per la seconda volta. La prima volta è stata tra settembre e novembre 2022.
  • Il Genoa ha recentemente dimostrato solidità difensiva vincendo due partite casalinghe senza subire gol in Serie A, un’impresa che non riusciva dal gennaio 2021, quando superò Bologna e Cagliari.
  • Il Ferraris è diventato una fortezza per il Genoa, che ha vinto tre delle ultime quattro partite casalinghe in campionato e ha ottenuto tanti successi quanti quelli conquistati nelle precedenti 23 partite casalinghe della massima serie (9N, 11P).
  • Il Verona sta attraversando una fase difficile, avendo mancato il gol in sei partite di questa Serie A. Solo Salernitana (sette) ed Empoli (otto) hanno fatto peggio in termini di incapacità di segnare nel torneo attuale.
  • Nel 2023, il Verona ha subito 17 sconfitte in Serie A, un numero superato solo da Werder Bremen (18), Bournemouth (19) e Almeria (20) tra le squadre nei cinque maggiori campionati europei.
  • Il Genoa si dimostra letale negli ultimi 15 minuti del primo tempo, avendo segnato cinque gol in questa finestra temporale in questa Serie A, secondi solo al Milan (sei).
  • Radu Dragusin ha celebrato il suo primo gol in Serie A con il Genoa, riuscendo a segnare con il suo terzo tiro nello specchio della massima serie.
  • Il Verona ha una difficile striscia senza gol nei primi tempi delle partite, con 10 partite consecutive senza segnare in questa fase del match. In generale, il Verona non ha segnato in 11 primi tempi in questa Serie A, nessun’altra squadra nei top-5 campionati europei ha fatto peggio.
  • Milan Djuric ha raggiunto un traguardo significativo con la sua 100ª presenza in Serie A.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui