Il Milan non riesce a rialzare la testa e perde clamorosamente 0-1 in casa contro l’Udinese. I rossoneri, nel match valevole per l’undicesima giornata di Serie A, sono stati sconfitti a San Siro dalla formazione di Cioffi che si è imposta con il calcio di rigore dell’ex Juventus Pereyra al 61′. Prosegue dunque il periodo negativo della squadra di Pioli, che tra campionato e Champions League non vince dall’1-0 in casa del Genoa. Nonostante la sconfitta, il Milan resta comunque terzo in classifica, ma la pressione del Napoli (a -1 dopo il successo contro la Salernitana) inizia a farsi sentire.

La nuova Udinese di Cioffi ha trovato il primo successo in campionato nella Scala del Calcio, in casa del Milan – in piena emergenza, ma comunque il Milan – certificando la crisi di gioco, identità e risultati dei rossoneri disputando una partita ordinata, attenta, giusta. Lo 0-1 è scaturito con un calcio di rigore di Pereyra nella ripresa, ma il nocciolo del successo dell’Udinese è stato nell’annullare completamente la fase offensiva della squadra di Pioli, sfiorando il vantaggio più volte in ripartenza e concedendo il fianco al Milan solo nei minuti di recupero del secondo tempo, ma resistendo.

La bordata di fischi che il pubblico di San Siro ha riservato a quel che resta della rosa di Pioli – con l’infortunio di Theo Hernandez sono 9 gli indisponibili e 20 gli infortuni in stagione – raccontano invece il momento che sta attraversando il Milan. Un punto nelle ultime tre partite, la seconda sconfitta consecutiva in casa senza segnare con in mezzo la scoppola di Parigi sono un bottino troppo magro anche per chi, come la tifoseria rossonera, di rado ha contestato apertamente la squadra.

Contro l’Udinese, i giocatori di Pioli sono apparsi senza idee, senza energie e incapaci di reagire dopo lo svantaggio continuando a recitare un copione lento e prevedibile, fatto di cross improbabili dalla trequarti preda sempre e comunque dei centrali di Cioffi.

Qualcosa si è rotto del tutto nel giocattolo rossonero? I segnali non incoraggianti ormai durano da diverso tempo, mascherati da un inizio incoraggiante in campionato che però è stato vanificato nelle ultime settimane. E se a Napoli Leao e Giroud avevano espresso apertamente il malcontento dopo i cambi sul 2-2 verso l’allenatore, nel postpartita contro l’Udinese i due simboli di questo Milan hanno deciso di non prendersi i fischi assordanti della curva, così come il tecnico, infilando subito la via degli spogliatoi.

In classifica, il Milan è -6 dall’Inter che scappa via, ma soprattutto subito dietro l’angolo c’è il Psg di Mbappé in una partita probabilmente decisiva per il futuro in Champions League, dove mancano punti e gol.

Tabellino della partita:

  • Milan (4-4-2): Maignan; Calabria, Thiaw, Tomori, Florenzi; Musah (36′ st Romero), Krunic (1′ st Adli), Reijnders (22′ st Loftus-Cheek), Leao; Jovic (1′ st Okafor), Giroud. A disp.: Nava, Mirante, Jimenez, Bartesaghi, Pobega. All.: Pioli.
  • Udinese (3-5-1-1): Silvestri; Perez, Bijol, Kabasele; Ebosele (39′ st Ferreira), Samardzic (33′ st Thauvin), Walace, Payero (27′ st Lovric), Zemura (39′ st Kamara); Pereyra; Success (39′ st Lucca). A disp.: Okoye, Padelli, Masina, Guessand, Tikvic, Zarraga, Quina, Aké, Camara, Pafundi. All.: Cioffi.
  • Arbitro: Sacchi
  • Marcatori: 17′ st rig. Pereyra
  • Ammoniti: Krunic (M); Perez, Kabasele (U)
  • Espulsi: nessuno

Statistiche interessanti:

  • Il Milan ha perso due partite interne di fila senza segnare in Serie A per la prima volta da settembre 2012 (contro Sampdoria e Atalanta) con Massimiliano Allegri in panchina.
  • Il Milan è la seconda squadra – dopo il Verona – contro cui Roberto Pereyra ha partecipato ad almeno una rete per quattro gare consecutive in Serie A (due gol e due assist contro i rossoneri).
  • Dopo 14 partite l’Udinese è tornata a vincere una partita di Serie A (2-0 contro la Sampdoria lo scorso maggio).
  • Roberto Pereyra ha partecipato a quattro gol contro il Milan in Serie A (due reti e due assist) solo contro il Sassuolo (cinque) ha fatto meglio nella massima serie.
  • Il Milan ha mancato il successo per tre gare di fila in Serie A per la prima volta dallo scorso marzo (tre in quel caso, l’ultima della serie proprio contro l’Udinese).
  • Quattro dei sette gol segnati dall’Udinese sono arrivati su palla inattiva (due rigori, un corner e una rimessa).
  • Il Milan ha perso due partite interne in Serie A per la prima volta da settembre 2019 con Marco Giampaolo in panchina.
  • Roberto Pereyra è tornato a segnare su rigore in Serie A per la prima volta da agosto 2021 (contro la Juventus) dopo che aveva sbagliato i due precedenti.
  • Il Milan non ha segnato in due delle ultime tre partite di Serie A, tante volte quante le 25 gare precedenti nella massima serie.
  • L’Udinese ha ottenuto due successi di fila contro il Milan in Serie A per la prima volta dal 2017.
  • Olivier Giroud ha raggiunto le 400 presenze nei cinque maggiori campionati europei.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui