La nuova stagione è appena iniziata e il Sassuolo si è dimostrato una delle squadre più attive sul mercato. A seguito della cessione di Davide Frattesi, il club neroverde ha dovuto colmare il vuoto lasciato dal centrocampista di Fidene, e la scelta è caduta su Daniel Boloca, reduce dalla vittoria del campionato di Serie B con il Frosinone. Boloca, entusiasta della nuova avventura, si è presentato ai media, sottolineando l’importanza di questa chiamata e la sua determinazione a crescere e imparare nel club.

Gli inizi e l’esperienza all’estero:

Boloca ha iniziato la sua carriera giovanile a Chieri, in provincia di Torino, per poi passare al Torino e successivamente alla Juventus, dove ha trascorso sei anni fondamentali per la sua crescita sia come calciatore che come persona. Dopo un prestito al Chieri e un’esperienza in Slovacchia con il Tatran Prešov, dove ha giocato sia con la Primavera che con la Prima Squadra, Boloca ha fatto ritorno in Italia.

L’esperienza nella Serie D e il salto di categoria:

La sua esperienza nella Serie D è stata formativa, poiché ripartire dai dilettanti e mettersi in gioco rappresenta una sfida importante. Boloca sottolinea che questa gavetta gli ha permesso di essere pronto per il salto di categoria successivo.

Il ruolo del direttore Angelozzi:

Boloca ringrazia il direttore Angelozzi per aver creduto in lui fin dai primi passi nel calcio professionistico. La sua chiamata allo Spezia durante il periodo del Covid e poi al Frosinone dimostra come trovare persone che credono in te possa fare la differenza.

La scelta di unirsi al Sassuolo:

La chiamata del Sassuolo è stata una scelta facile per Boloca. Un’opportunità di giocare per una squadra importante che valorizza i giovani e offre strutture all’avanguardia è un sogno che tutti condividono. Boloca si dice entusiasta e felice di poter vestire i colori neroverdi e attendeva con impazienza l’ufficialità del trasferimento.

L’inserimento nella squadra:

Nei primi giorni di ritiro, Boloca afferma di sentirsi a suo agio con i compagni di squadra e di essere grato per la loro disponibilità. È consapevole che ha ancora molto da imparare e si focalizza sull’apprendimento e sul lavoro duro.

Gli obiettivi per la stagione:

Boloca afferma che il suo obiettivo principale è quello di migliorare costantemente e fare uno step importante nella sua carriera, cercando di raggiungere il massimo livello possibile.

La scelta di rappresentare l’Italia:

Nonostante le sue origini rumene, Boloca ha scelto di rappresentare l’Italia a livello internazionale. Dopo aver avuto problemi di inserimento nella squadra rumena a causa delle difficoltà linguistiche, ha accettato con gioia la chiamata della Nazionale italiana, realizzando così il suo sogno.

La preparazione estiva e l’importanza di essere pronti:

Boloca sottolinea l’importanza della preparazione estiva per stare al passo con gli altri calciatori e mettersi in mostra. Ha imparato dalla sua esperienza nella Serie D che saltare la preparazione può portare a un ritardo nel rendimento.

Il calcio come unico obiettivo:

Fin dalla sua infanzia, Boloca ha avuto un solo obiettivo: giocare a calcio. Ha trascorso gran parte del suo tempo libero nei campetti vicino a casa, dimostrando la sua passione per il gioco.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui